Il disturbo bipolare è un disturbo mentale caratterizzato da oscillazioni elevate del tono dell’umore e della capacità di funzionamento della persona. E’ caratterizzato dall’alternanza di episodi maniacali o ipomaniacali ed episodi depressivi maggiori. L’episodio maniacale è un periodo di grave alterazione dell’umore che è esageratamente elevato, espansivo o irritabile. La persona presenta un’autostima ipertrofica, minor bisogno di sonno, maggiore loquacità del solito, distraibilità, agitazione psicomotoria, sensazione di avere maggiore energia del solito, eccessivo coinvolgimento in attività ludiche e potenzialmente rischiose (es. disinibizione sessuale, eccessi nel comprare, abuso di droghe, ecc), può sentirsi capace di iniziare contemporaneamente tante attività ma con scarsa capacità di portarle a termine, può essere  estremamente aggressivo e impulsivo con gravi conseguenze sia lavorative che personali, ed eccessivamente “sopra le righe”. L’episodio ipomaniacale presenta una gravità minore rispetto quello maniacale. Di solito si tende a chiedere aiuto psicologico quando si è nella fase depressiva.